Miro parla della sua scelta di rinnovare con la AEW: “Mi piace lavorare qui”



by RACHELE GAGLIARDI

Miro parla della sua scelta di rinnovare con la AEW: “Mi piace lavorare qui”

L'ex campione AEW TNT Miro, ha recentemente firmato un nuovo prolungamento del contratto di quattro anni con la compagnia di Tony Khan. Questo lo terrà nel roster della AEW fino ad inizio 2026. Lo stesso wrestler lo aveva confermato al The Kurt Angle Show.

In una nuova intervista con Fightful, Miro ha parlato di questa cosa, lodando anche quello che fa la compagnia stessa: "Volevano che firmassi un accordo a lungo termine per un motivo e ho firmato a lungo termine per un motivo [ride]. È un posto dove posso essere creativamente libero e ora la palla è nel mio campo. 

Il mio capo, Tony Khan, me l’ha fatto avere e mi ha detto: 'Ehi, vai e sii te stesso.’ Sento che ha giocato un ruolo importante nella mia decisione di essere qui. Tutti quelli che guardano la AEW sanno che sono un campione del mondo. Io lo so. Anch'io vado in giro con quella mentalità. Non voglio sedermi in giro ed incassare un assegno. Voglio creare ed evolvermi e diventare campione del mondo. Amo questo posto, Tony Khan crede in me, mi lascia fare e non deve essere coinvolto in ogni singola cosa. Mi piace.

Mi piace lavorare con lui, amo la compagnia, mi piace il roster pieno, l’opportunità… sto combattendo con persone nuove in questo roster al 99%. Adoro queste sfide. Amo ogni singola volta che metto piede sul ring. A volte ho 30-45 secondi, ma ne approfitto ogni volta. È di questo che si tratta. Non si tratta solo di avere grandi match o avere 20-30 match che sono grandiosi. Si tratta di quello che fai con i 30-45 secondi che hai. Qui è dove eccello di più.”

Uno sconto per il capo

Miro ha poi continuato il discorso dicendo una cosa molto particolare sulla firma del suo primo contratto: "Ho fatto uno sconto a Tony Khan. Gli ho fatto uno sconto e gli ho detto, 'Tony, firmerò per questi soldi perché è la pandemia, ma dopo quell'anno e mezzo, dobbiamo fare di più.’

Sapevo che stava firmando l'uomo sbagliato. Stava firmando il tizio di Twitch. Sta basando le sue opinioni sul mio Twitch ed è da lì che è iniziata tutta la storia di Kip. Sapevo che non ero io. Non è quello che sono. Una volta che l'anno e mezzo era finito, gli avrei mostrato chi sono e di cosa sono capace e ci saremmo seduti a parlare come uomini di soldi. È esattamente quello che è successo."