Wardlow ha una missione precisa in AEW: “Voglio far alzare gli ascolti”



by   |  LETTURE 311

Wardlow ha una missione precisa in AEW: “Voglio far alzare gli ascolti”

Durante AEW Double Or Nothing 2022 Wardlow ha sconfitto MJF liberandosi dal suo contratto con lui per firmarne uno ufficialmente con la compagnia di Tony Khan che lo ha accolto a braccia aperte. Questo gli ha permesso di iniziare il percorso in singolo per costruirsi una carriera tutta sua e anche se per ora qualche ostacolo si è messo sulla sua strada, questo gigante buono sembra voler spaccare il mondo con il suo talento.

Durante una chiacchierata con Blake Oestriecher di Forbes infatti ha raccontato di avere un obbiettivo preciso in mente: "Sono molto in sintonia con i numeri, e il mio obiettivo principale per l’AEW è che voglio essere il motivo per cui abbiamo più spettatori. 

Voglio essere il motivo per cui l'audience femminile sale. Voglio essere il motivo per cui la fascia di persone tra i 18-49 anni aumenta. Voglio essere il motivo per cui i nostri ascolti sono più alti. So che non posso farlo da solo. Ci vuole l'aiuto degli altri giovani talenti. Ci vuole aiuto dalle leggende e dai ragazzi in arrivo, ma voglio essere uno dei ragazzi che stanno muovendo l'ago per questa compagnia.”

Sempre più visibilità e opportunità

Nella stessa intervista Wardlow ha proseguito dicendo: "Sono molto orgoglioso di dire che sono davvero un AEW original e un prodotto coltivato in casa AEW. Voglio dire, nessuno sapeva di me al di fuori della zona di Pittsburgh/ Ohio. Forse una manciata di persone a Chicago dove ho lavorato, ma a parte questo, nessuno mi conosceva. Penso che sia stato utile per me la costruzione da zero in AEW.

So che con l’arrivo di CM Punk nella compagnia, milioni di occhi in più sono puntati addosso anche su di me e sulla nostra compagnia e sul nostro prodotto, e questo ci aiuterà solamente a crescere. E alla fine di tutto, una volta cresciuti, i ragazzi che sono seduti nelle ultime file inizieranno ad avere più opportunità. Ci vuole un po’ di pazienza, ma serve anche a migliorare la compagnia.”