AEW: Tony Khan rilascia un comunicato ufficiale sulla situazione di Jeff Hardy



by   |  LETTURE 1055

AEW: Tony Khan rilascia un comunicato ufficiale sulla situazione di Jeff Hardy

Attraverso un comunicato ufficiale, il CEO della All Elite Wrestling Tony Khan, ha voluto parlare della situazione che sta circondando la figura di Jeff Hardy dopo che nelle ultime ore è stato protagonista dell’ennesimo arresto a causa dei suoi demoni.

Tony Khan ha così scritto sul comunicato: "Siamo stati in grado di riprendere i contatti con Jeff Hardy questo pomeriggio. L’AEW non condona il presunto comportamento di Jeff. Abbiamo detto chiaramente a Jeff che lo aiuteremo a curarsi per i problemi di abuso di sostanze, cosa che ha indicato che è aperto a ricevere. Nel frattempo, è sospeso senza paga, e può solo tornare in AEW dopo aver completato con successo il trattamento e dovrà mantenere la sua sobrietà. Se voi o una persona cara ha bisogno di aiuto, per favore contattate la linea nazionale di assistenza SAMHSA: 1-800-662-HELP (4357). Tony Khan. Presidente e CEO di All Elite Wrestling”

Jeff Hardy ha un disperato bisogno di aiuto

Solo a fine 2021 Kurt Angle aveva proprio parlato del suo collega dicendo: “Conosco molto bene le problematiche di Jeff, visto che ci sono passato anch’io. Credo che Hardy abbia bisogno di guardarsi allo specchio e studiare bene le sue prossime mosse.Vuole rimanere lo stesso o vuole cambiare? 

Personalmente ritengo che abbia bisogno di aiuto, ma dipende tutto da lui. Deve rendersi conto di ciò che è realmente importante nella sua vita. La sua priorità sono le sostanze? Oppure preferisce dedicarsi alla sua famiglia e al suo lavoro? Soltanto Jeff può prendere una decisione al riguardo”.

Ovviamente non possiamo fare altro che concordare con l’Eroe Olimpico e augurarci che Jeff possa trovare tutto l’aiuto di cui ha bisogno supportato anche dalla famiglia e dalla compagnia di Jacksonville. 

Intanto potete leggere anche le dichiarazioni rilasciate dal fratello Matt Hardy su Twitter e i leggere i dettagli sul resto delle decisione che sono state prese internamente alla AEW dopo la diffusione della notizia.