L’AEW affossa la divisione femminile per favorire Britt Baker?



by   |  LETTURE 1828

L’AEW affossa la divisione femminile per favorire Britt Baker?

Ben tredici sono stati i match inseriti nella card dell'ultimo pay-per-view della AEW Double Or Nothing, davvero molti, con ben tre match solo femminili, tra cui la finale dell’Owen Hart Foundation Tournament tra Britt Baker, un “prodotto” AEW e Ruby Soho, proveniente dalle indies e più di recente dalla WWE, vinta dalla dentista insieme al compagno Adam Cole per la controparte maschile.

Sulla vittoria della dottoressa si è espressa anche Renee Paquette nel suo podcast The Sessions: “Non ho sempre il fiato sul collo su ogni singola cosa che accade, ma penso che quando Toni Storm non è andata oltre Britt sulla strada per il torneo, per poi avere Ruby che ne è uscita sconfitta, sarebbe bello avere una di quelle donne in quello spot [da vincitrice].

Come sto dicendo, Britt è fottutamente grandiosa, non si può negarlo. Penso che sia fantastica, penso che sia testa e spalle in cima a quella divisione, ma per diffondere un po' di quell'amore mentre mettono insieme quella divisione, queste donne sono delle star. Toni Storm è una star, Ruby Soho è una star ... è fantastica. Anche Kris Stantlander sta salendo."

C'è tanto ancora su cui lavorare 

Purtroppo l'AEW fa ancora fatica a dare il giusto spazio alla propria divisione femminile, con un booking un po' altalenante che non riesce a favorire più che altro le wrestler che non sono un prodotto creato dalla compagnia stessa. Pensiamo solo al fatto che Ruby Soho è stata battuta da Britt Baker al suo debutto nella compagnia, Toni Storm, come citato qui sopra, non è riuscita a portare a termine una missione importante e spesso vengono mandate a lottare molto a Dark o Dark Elevation.

La stessa Mercedes Martinez, attualmente campionessa della Ring Of Honor che ricordiamo essere di proprietà di Tony Khan, solo la scorsa settimana ha difeso la cintura due volte negli show di YouTube, che servono solamente per il ranking degli atleti e magari a mettere in mostra qualche talento free agent, per il resto non sono il luogo giusto per delle difese titolate.

Staremo a vedere se con il contributo di Dustin Rhodes, che di recente ha parlato molto della sua posizione nella divisione femminile per la compagnia, e Kenny Omega che starebbe lavorando dietro le quinte mentre si riprende da alcune operazioni, la situazione migliorerà.

Per rimanere sempre aggiornati sul wrestling femminile non dimenticate di seguire il lavoro di Donne Tra Le Corde.