Thunder Rosa: "E' dura per le donne mettersi in mostra nel wrestling"

Thunder Rosa ha parlato del wrestling femminile

by Andrea Scozzafava
SHARE
Thunder Rosa: "E' dura per le donne mettersi in mostra nel wrestling"

Thunder Rosa è apparsa di recente a "Busted Open Radio" per parlare del wrestling femminile e delle pressioni che hanno tutte le donne che fanno parte di questo business.

Thunder Rosa: "Tante donne hanno pressioni in questo mondo"

Sulle pressioni delle donne nel mondo del wrestling femminile: “Ricordo quando ho iniziato. Stavo parlando con mio marito, volevo ricevere delle opinioni da lui. C'è stato un momento in cui mi stava aiutando. In quel periodo, ero una buona wrestler ma non stava succedendo niente di straordinario e non stavo ottenendo grandi risultati. Ricordo di aver detto: 'Dovrei farmi delle protesi mammarie per aiutarmi a portare avanti la carriera?'. Mi dissero che questo mi poteva incasinare molto da donna perché era come se non ero abbastanza attraente per vendere dei biglietti. Purtroppo diverse donne hanno queste pressioni".

Sulle difficoltà di far parte del business del wrestling: “E' dura essere una donna in un business dominato da uomini. È così importante mostrare a tutti coloro che sono pro wrestler che per una donna va bene soltanto essere te stessa. Così deve essere  Sì, ci sono alcune cose che puoi cambiare man mano che vai avanti, come il trucco o essere più alla moda. È del tutto comprensibile, perché provi a diventare più professionale, ma è importante essere te stessa e quello che sei davvero. Anche se fai una cosa deve essere una scelta tua. Deve venire da te. Non deve essere qualcosa di forzato perché non funzionerebbe altrimenti".

Sul presidente della AEW Tony Khan: “Mi ascolta tanto. A volte quando gli parlo di idee sensate mi dice la sua opinione e mi sente ancora di più. Ogni cosa che ho fatto da quando sono arrivata, l’ho fatta decidere a lui. Non mi è mai successo di dirgli di no a una sua idea. E’ sempre comprensivo nei miei confronti e cerca sempre di accontentare me come tutti gli altri".

SHARE