Tony Khan elogia CM Punk: “È un aiuto prezioso per tutti in AEW"



by   |  LETTURE 901

Tony Khan elogia CM Punk: “È un aiuto prezioso per tutti in AEW"

Durante la media call di AEW Double or Nothing, Tony Khan ha riempito di complimenti CM Punk: "CM Punk è arrivato e finora ha avuto una grande serie di match con lottatori di tutti i diversi livelli di esperienza. Contro giovani lottatori che, anche per la loro età, hanno tonnellate di esperienza come Daniel Garcia e Darby Allin, ma anche alcuni dei grandi veterani lungo la strada e persone che sono un mix dei due.

MJF è un'altra persona che ha un sacco di esperienza per la sua età e credo che le persone che hanno lottato con CM Punk, non importa il risultato, finora, ne siano uscite al meglio hanno raggiunto un pubblico più grande e hanno imparato nel processo. CM Punk è qualcuno che, continuamente, mi sorprende e mi stupisce. 

Ha aiutato a far crescere i nostri affari quando è arrivato qui e questo in particolare ha contribuito a mettere sotto i riflettori i giovani lottatori, ma è stato anche un ottimo mentore nel backstage, oltre ad aiutare i portafogli delle persone, potenzialmente, mettendo tutti in una posizione migliore in questa azienda aiutandoci a ottenere più fan, vendendo più pay-per-view e più merchandise, è stato quel ragazzo, ma è anche qualcuno che aiuterà i lottatori facendo da mentore e guarderà i match dopo che sono accaduti, o con lui o con altre persone.”

Un mentore per tutti backstage

Khan ha continuato dicendo: "È stato un ottimo mentore per molti uomini e donne nel nostro spogliatoio. Egli porta una mentalità di dare indietro, in particolare ai lottatori più giovani, ma è anche qualcuno che ha fatto molto per i lottatori veterani qui. […] CM Punk ha aiutato tutti in AEW finora. Per quanto riguarda il modo in cui può farlo come campione, vedremo entrando nel pay-per-view se succederà, ma in questo momento abbiamo il più grande campione di wrestling.”

Se volete farvi un’idea di quanto CM Punk possa aver aiutato l’AEW dal suo approdo, magari da un punto di vista esterno alla compagnia, potete anche leggere l’analisi di Aldo Fiadone nel suo ultimo The Greater Good.