Kris Statlander: “È stata mia l’idea di cambiare gimmick in AEW e vi spiego perché”



by   |  LETTURE 1380

Kris Statlander: “È stata mia l’idea di cambiare gimmick in AEW e vi spiego perché”

Come ben sappiamo Kris Statlander in AEW è conosciuta per la sua gimmick da aliena che proviene dall’Andromeda Galaxy, ma di recente il suo personaggio ha subito un cambiamento. Infatti è passata dall’essere un’aliena tutta colorata e scherzosa, ad una donna che lei in realtà descrive come “più di una donna”, una figura più oscura e decisamente più tosta.

Il cambiamento è avvenuto nel bel mezzo della faida contro Leyla Hirsch, che poi è stata bruscamente interrotta a causa di un infortunio che la wrestler russa ha subito durante alcuni tapings, ma Kris è andata avanti con il suo cambiamento.

Quel desiderio di cambiare

Intervistata da Steel Chair Magazine, la stessa Statlander ha spiegato come mai c’è stato questo cambio di gimmick: "Presentarmi in modo diverso è stato qualcosa che volevo fare, è stata al 100 per cento una mia decisione. Mi sentivo come se, nonostante avessi avuto molte opportunità, non fossi mai stata realmente presa sul serio. Non ero sicura di cosa mi trattenesse, forse era perché ero troppo divertente, troppo amabile, troppo goffa e alla mano. Conosco il mio potenziale e so quanto altro ho da offrire. 

Se non mi è stata data l'opportunità di mostrare tutto ciò che posso, allora forse presentandomi in un altro modo, con un nuovo look, una nuova prospettiva, catturerò l'attenzione delle persone che hanno davvero bisogno di vederlo e finalmente faremo scattare quella lampadina nella loro mente e sarà tipo: ‘Oh, non si scherza con lei.’

Mi sono stancata delle persone che mi guardavano dall'alto in basso e mi prendevano in giro e mi dicevano: ‘Oh, è troppo carina’ e cose del genere, della serie: ‘Oh, puoi approfittarne', cosa che è successa più volte con le mie ex amicizie. Sono qui solo per dimostrare che non puoi calpestarmi, non sono solo un simpatico alieno eccentrico. Essere più di una donna allude all'essere diversa ed è questo che mi interessa, essere a posto con l'essere diversi ma in modo più serio."