Powerhouse Hobbs: "Tutti volevamo essere come Scott Hall"



by   |  LETTURE 772

Powerhouse Hobbs: "Tutti volevamo essere come Scott Hall"

Come altre Superstar nel mondo del wrestling, Powerhouse Hobbs ha parlato dei ricordi su Scott Hall, l'Hall of Famer WWE scomparso il 14 marzo all'età di 63 anni.

Powerhouse Hobbs: "Avevo dei bulli dietro che non mi lasciavano stare"

Durante il podcast Superstar Crossover, Powerhouse Hobbs ha espresso il suo parere su Scott Hall: "Era un grande uomo. Voglio dire, ci sono alcune persone da cui siamo attratti, sai anche solo per il fatto che provengono dal nostro quartiere o perchè ci piacciono come si comportano. Scott Hall era uno di quelli, sai? Ricordo che nel cortile di mia nonna, tutti volevamo essere Scott Hall o Harlem Heat, sai qualcuno comunque degli nWo. Ricordo che era lo spettacolo al Cow Palace di San Francisco. Ci siamo fermati a fare benzina e abbiamo visto i The Kliq che facevano benzina. Quindi siamo corsi da loro e li abbiamo abbracciati. Abbiamo ricevuto degli autografi ed sono stati così fantastici. Ho avuto modo di incontrare Scott Hall. Era incredibile".

Sulle difficoltà nel mondo del wrestling: "Non tutti volevano ammettere di aver visto il wrestling. Dovevi giocare a calcio, basket, baseball o football. Sono stato preso in giro infatti, perché guardavo il wrestling, indossavo magliette dei lottatori e portavo le figurine dei wrestler nel mio zaino. Avevo dei bulli che mi seguivano e entravano nel mio zaino per distruggere di proposito le mie figurine. Con alcune persone con cui andavo in giro giocavamo ai nostri videogiochi, creavamo i nostri match e i nostri pay-per-view. Ci divertivamo tanto".

Powerhouse Hobbs ha rivelato di aver stravolto la situazione precedente sugli ex bulli che lo prendevano in giro qualche anno fa. La Supestar AEW ha descritto così l'incontro con uno di loro: "Non mi fanno più quello che mi facevano prima. Ne ho incontrati alcuni al negozio di liquori, mi hanno guardato e mi hanno detto che ero cresciuto molto. Io invece gli dissi: 'Sì idioti. Prova a fare qualcosa adesso'".