Tony Khan risponde a Chavo Guerrero: “Ti chiamerò”



by   |  LETTURE 797

Tony Khan risponde a Chavo Guerrero: “Ti chiamerò”

Qualche giorno fa vi avevamo riportato le parole di Chavo Guerrero riguardo un problema che ha avuto con il CEO della All Elite Wrestling Tony Khan, che a quanto pare ha ignorato le sue chiamate e i suoi messaggi dopo averlo tolto dal roster.

Tra le tante cose, intervistato da The Wrestling Inc. Daily, il messicano aveva detto: "Tornando all'inizio di febbraio, ho iniziato a mandare a Tony alcuni messaggi, nessuna risposta. L’ho chiamato, gli ho lasciato un messaggio in segreteria, nessuna risposta di alcun tipo. […]”

Tutto potrebbe chiarirsi

Durante l’incontro con i media post AEW Revolution che è andato in onda la scorsa domenica, Tony Khan ha voluto rispondere a questi commenti fatti dal nipote di Eddie Guerrero per dare anche la sua visione delle cose: "Ho intenzione di chiamare Chavo. Ad essere onesti, sono rimasto un po' sorpreso perché ho perso solo un messaggio da lui, e poi è andato dai media dopo aver perso un messaggio.

Non voglio dire quanto è stato pagato per essere il coordinatore degli stunt per Young Rock, ma è stato pagato un'enorme quantità di denaro. Mi ha chiesto se poteva prendersi una pausa e andarsene, e io gli ho detto che non aveva un contratto. Aveva un contratto settimanale. Ho detto: ‘Mi piacerebbe riaverti indietro, e mi piaci molto, e hai fatto una grande cosa. Faremo i nostri piani andando avanti senza di lui qui.'"

Poi il presidente AEW ha anche aggiunto: "Siamo andati avanti e abbiamo fatto un sacco di cose fantastiche, e mi è piaciuto molto, ha fatto cose fantastiche. Gli devo decisamente una telefonata, ma mi ha sorpreso sentirlo. Mi piace molto, Chavo potrebbe venire qui adesso e io sarei molto gentile con lui. Ma quando ho visto l’intervista, era una settimana impegnativa, perché abbiamo uno show ogni giorno. […] Così forse non sapeva che ho avuto una settimana così impegnativa. Ora siamo arrivati qui e non l'ho ancora contattato. Parlerò con Chavo, è giusto."