WWE NEWS

Alexa Bliss racconta il suo dramma: "Quando rischiai di morire"

-  Letture: 891
by Marco Enzo Venturini

In una lunga conversazione con Lilian Garcia, l'ex campionessa di Raw e SmackDown ha parlato del periodo più duro della sua intera vita.

Alexa Bliss, come noto, è oggi una Superstar decisamente affermata in WWE: lo dimostra in particolare il dettaglio statistico che la vede come l'unica lottatrice, ad oggi, in grado di laurearsi campionessa sia a Raw che a SmackDown da quando la divisione femminile ha subito l'ultima rivoluzione.

Ma nel suo passato nasconde drammi anche molto profondi. Che in gioventù abbia combattuto un male spietato come l'anoressia è già stato rivelato in passato.

Ma ora Alexa ha deciso di parlarne con Lilian Garcia, raccontando nel podcast 'Chasing Glory' su PodcastOne i dettagli del periodo più difficile della sua intera esistenza. "Era iniziata come una semplice dieta, stavo attenta a quello che mangiavo e mi pesavo spesso.

Poi sono precipitata nella spirale dei numeri - la sua confessione -. Quando inizi a pesarti ogni giorno noti qualche calo e poi inizi a domandarti fino a che punto tu possa arrivare. Quindi iniziai a fare ricerche sui modi per perdere calorie e si tramutò in un'ossessione.

Anche solo parlarne è pazzesco, ero ossessionata dal fatto di sapere esattamente cosa entrasse nel mio corpo e con le calorie. Mi annotavo tutto, poi mia madre notò queste carte e capì che avevo un problema".

"Ricordo che mi sembrava di stare per morire di fame - ha aggiunto la lottatrice di Raw -. Masticavo una barretta di proteine e poi la sputavo perché mi restasse in bocca solo il sapore del cibo e qualche sorta di energia da quello che sputavo.

Poi mi allenavo e tenevo le calorie costantemente sotto controllo. Ma anche mia madre era stata anoressica da ragazza, perciò sapeva esattamente quale fosse la questione. Capiva quando odoravo di cibo ma non avevo mangiato.

Ero diventata pelle e ossa, ero debolissima. Ricordo di essere diventata una persona completamente diversa, perché quando ti fai prendere da un disturbo alimentare non sei più te stesso. Alla fine credo di aver seriamente rischiato di morirne".

In seguito la lenta risalita, fino alla decisione di darsi al wrestling: "Mike, il mio allenatore dell'epoca, mi disse di aver trovato un casting per entrare in WWE. Andai su internet e lo trovai, capendo che - sì - volevo diventare una Superstar.

Dicevano di fare un video, fare questo, fare quello e mandarlo. Lo feci, quindi ricevetti una chiamata da Canyon per convocarmi a un provino a Los Angeles. Quando incontrai Triple H mi sentivo una fangirl, mi sembrava di svenire.

Gli parlai di mille idee su che tipo di wrestler volessi essere. Quindi dopo 30 giorni di prova mi misero su un ring e fu uno shock quando mi chiamarono per dirmi che mi avevano presa". "Quando mi fecero la visita medica in Florida e dissi che ero stata anoressica tutti mi guardavano.

Poi iniziai a parlare e tutti avevano il capo chino. Ma man mano la sollevarono e alla fine fecero un sacco di domande, interagirono con me. E questa cosa mi colpì moltissimo e non la cambierei con nessuna sensazione della mia vita.

Perché se puoi dedicare un giorno ad aiutare una persona che sta male, potrebbe essere proprio il giorno che le salva la vita". .

Powered by: World(129)