WWE NEWS

Shane McMahon rivela a Steve Austin: "Hai ferito mio padre"

-  Letture: 1922
by Alessio Di Iulio

Il primogenito di Vince McMahon ha ricordato a Stone Cold i giorni del suo addio alla WWE. Ma ha anche raccontato i suoi sacrifici per entrare nella compagnia.

Intervistato da Steve Austin nel corso di '317 Gimmick Street', Shane McMahon ha parlato di diversi argomenti, tra i quali dei passi che ha dovuto fare per entrare nel business di famiglia, sotto gli ordini del padre Vince: "Beh, lui sapeva quello che volevo fare - ha spiegato l'attuale commissioner di SmackDown -.

Ma per ottenere questa opportunità mi sono dovuto laureare alla Boston University in Comunicazione di Massa e Pubbliche Relazioni. Desideravo mettermi alla prova, arrivare a conoscere questo business e volevo entrare fino in profondità nel mondo del wrestling professionistico".

Shane ha parlato della sua gavetta e di come fosse bello per lui uscire con Joey Marella: "Ero un membro della squadra addetta al ring, quindi ho incominciato ad arbitrare. I membri della squadra originariamente erano Joey Marella, Mike Chioda e Tony Chimel.

Già, io ero il ragazzino del gruppo, e dato che il padre di Joey era Gorilla Monsoon e il mio Vince McMahon, passavamo il tempo a bere birre sotto gli stand e a lamentarci dei nostri padri". Inoltre Shane ha parlato con Stone Cold delle severe punizioni che il padre Vince gli ha dato da bambino, ma confessando di aver avuto un buon padre: "Senza dubbio ho avuto delle punizioni corporali.

Sono cresciuto alla vecchia maniera. Ma ascoltami, se lui non si fosse comportato così io sarei rinchiuso da qualche altra parte. Dico solo che ero un ragazzo pieno di energia, mi conosci, ma se quell'energia l'avessi usata in modo diverso avrei fatto delle enormi fesserie".

Parlando di Steve, Shane ha ricordato al Texas Rattlesnake di come il padre prese molto male il suo abbandono dal wrestling lottato: "Tu eri la persona attorno alla quale era stato costruito tutto. Quindi, quando il migliore dei tuoi e quello che ti fa fare un sacco di soldi ti dice all'improvviso che è fuori, beh, questo è davvero devastante.

È stato così, ovviamente, per tutti gli altri e tutti ne sono rimasti scossi. Si, Austin, hai deluso un sacco di gente. Mio padre è stato ferito sia professionalmente che personalmente, visto che avevate costruito un buon rapporto.

Quando avevate una discussione riuscivate velocemente a risolverla, ma alla fine siete arrivati a quel momento in cui l'accordo non l'avete trovato e tu sei andato via. È stato un brutto colpo, perché dopotutto ci eravamo impegnati per costruire Stone Cold Steve Austin, e quando sei andato via non hai fatto sentire bene nessuno di noi".

Infine Shane è tornato sul suo brutale match con Kurt Angle a King of the Ring 2001: "Non ho subito nessuna commozione cerebrale, stavo tutto sommato bene. Ma a Kurt è andata peggio. Kurt stava per chiamare il suplex, ma io gli ho ricordato che sotto c'era il cemento.

Ad un certo momento disse che il suplex voleva che io lo facessi. Io gli dissi di no, ma lui rispose di farlo. Poi mi ha dato un colpo ed io non ho avuto scelta. E alla fine dissi che ok, avrei fatto questo suplex. Così l'abbiamo fatto, l'ho colpito e lui subito cacciò un urlo.

Così si ruppe il coccige". .

Powered by: World(129)