WWE NEWS

"Vince McMahon nemmeno conosceva AJ Styles"

-  Letture: 3032
by Marco Enzo Venturini

Lo ammette Chris Jericho: "Per il Boss quello che succede fuori dalla WWE non conta. Sono felice di aver aiutato AJ e ora lo dico, è il migliore al mondo".

Quando AJ Styles arrivò in WWE Vince McMahon nemmeno lo conosceva. E solo la faida con Chris Jericho ha aiutato il Fenomenale a conquistarsi sin da subito la fiducia del Boss della federazione.

Non è la solita voce di corridoio, ma una rivelazione fatta in prima persona dallo stesso Jericho, che ne ha parlato con Dave LaGreca e Bully Ray (conosciuto dai fan della WWE come Bubba Ray Dudley) nel corso del podcast 'Busted Open'.

"Nel corso della mia carriera mi è capitato di chiedere alla WWE di farmi vincere, quando mi serviva.

Per il resto del tempo, però, non ho mai avuto troppi problemi a mandare over i colleghi. E anche con AJ Styles è successo lo stesso - ha dichiarato Y2J -. Sono felicissimo di aver intuito le sue potenzialità sin da quando è arrivato da noi.

Ho capito che lavorando insieme a lui per due mesi avrebbe assorbito le poche cose che non sapeva della WWE e le avrebbe fatte sue. In questo modo si è potuto far apprezzare sin da subito da Vince McMahon, perché dovete sapere che per Vince quello che succede fuori dalla WWE non conta nulla.

Non esiste. So come la pensa e la pensa esattamente così. Ma grazie a quei primi mesi anche Vince ha subito adorato AJ, che è il miglior wrestler del mondo. A questo punto lo affermo senza paura di sbagliarmi".

Dopo AJ Styles, poi, Jericho ha affrontato tanti altri avversari in uno stint tra i migliori della sua carriera: "Poi c'è stato Dean Ambrose, tutta la storia della giacca, la pianta, poi le puntine nella mia schiena.

Strepitoso. Poi è stata la volta di Kevin Owens, poi Seth Rollins e Roman Reigns, quindi ancora Kevin Owens. Lavorare con questi ragazzi è stato un vero privilegio, ho dovuto leggermente cambiare il mio stile, ma è stato uno dei miei anni migliori nella compagnia, anche per il clima che si è respirato nello spogliatoio.

Lo ricorderò per sempre. Anche la storia con Kevin Owens all'inizio per me è stata una sorpresa, poi ci abbiamo preso la mano e tutto quello che è successo quest'anno lo avevamo previsto sin dal principio.

Finirla in quel modo a SmackDown è stato grandioso. Il risultato di Payback è stato una sorpresa e così lui ha distrutto il cavaliere dall'armatura scintillante a SmackDown. Penso fosse la conclusione più adatta".

.

Powered by: World(129)