SOCIAL

Mick Foley e Kofi Kingston si sono operati: ecco come stanno *FOTO*

-  Letture: 1026
by Marco Enzo Venturini

L'ex GM di Raw e il membro del New Day sono finiti sotto i ferri del chirurgo per i problemi all'anca e alla caviglia. Le loro immagini fanno capire perché non si debbano mai imitare i wrestler WWE.

Mick Foley e Kofi Kingston sono stati regolarmente operati e ora per loro inizia il periodo della riabilitazione.

I due protagonisti degli ultimi mesi di Monday Night Raw hanno entrambi lasciato lo show (l'ex GM è momentaneamente inattivo, mentre il membro del New Day è stato spostato insieme ai compagni Xavier Woods e Big E a SmackDown, dove ancora non hanno esordito) e sono finiti sotto i ferri per risolvere i problemi fisici che li attanagliavano, molto diversi l'uno dall'altro.

L'Hardcore Legend si è infatti finalmente sottoposto a quell'operazione all'anca necessaria da anni, ma che finora per i suoi tanti impegni legati alla WWE e non solo aveva rimandato.

Il lottatore ghanese invece era rimasto recentemente vittima di un infortunio legittimo alla caviglia, che anche nel suo caso ha reso necessario l'intervento del chirurgo.

In queste ore entrambi hanno voluto pubblicare su Twitter delle immagini per mostrare ai fan le loro condizioni fisiche dopo le rispettive operazioni.

Kingston è ormai alla seconda settimana di riabilitazione, ma la sua articolazione mostra ancora chiaramente i segni dell'intervento medico:


Foley invece è fresco di operazione e ha scelto Facebook per mostrare la profonda cicatrice che gli è rimasta dopo l'operazione all'anca:

L'ex General Manager di Raw è stato estromesso dallo show per permettergli di curarsi grazie a un segmento in cui si scontrava con Stephanie McMahon e poi con Triple H, per essere poi licenziato.

Ovviamente il tutto è stato un pretesto scenico per poter procedere a tale operazione.

A soli 51 anni d'età i decenni di lotte senza esclusioni di colpi sui ring di tutto il mondo sono decisamente evidenti sul suo corpo.

I casi di Foley e di Kingston, tanto diversi eppure tanto simili, ci forniscono dunque la prova evidente del perché la WWE ricordi tanto spesso ai suoi tanti fan di non imitare i lottatori in nessun modo e in nessun luogo per evitare di ferirsi in maniera molto grave e potenzialmente senza possibilità di tornare come prima.

Ne approfittiamo per unirci a questo invito: non imitate mai i wrestler della WWE in nessuna situazione, nemmeno quelle che sembrano apparentemente sicure (come in piscina o sui tappeti elastici): il rischio è troppo grosso per sfidare la sorte in maniera tanto stupida.

.

Powered by: World(129)