LEGENDS

Pugni veri e fisici improbabili: perche' le star USA farebbero meglio a evitare il ring

-  Letture: 1697
by Marco Enzo Venturini

Da Hugh Jackman fino a Snoop Dogg tante sono state le figuracce...

Qual è il confine tra sport e spettacolo nel wrestling? Beh, negli ultimi anni si è fatto sempre più labile, come dimostrano le incursioni sul ring (soprattutto WWE) di personaggi che poco hanno a che vedere con la lotta professionistica.

Si è quindi passati da Mike Tyson arbitro speciale a WrestleMania (la sua rissa con Stone Cold Steve Austin è passata alla storia) a Floyd Maywheather contro The Big Show diversi anni dopo fino addirittura a una contesa tra Vince McMahon e Donald Trump su chi fosse il legittimo proprietario della non proprio originalissima frase "Sei licenziato" (?).

Ma con il 'Grandaddy of Them All' che si avvicina le presenze di personaggi che ancora meno c'entrano con il wrestling diventano quasi settimanali.

Lo ha dimostrato lunedì a RAW Snoop Dogg, personaggio che in America ha una grande eco (senz'altro più che da noi).

Ma che probabilmente avrebbe fatto una migliore figura a limitarsi a fare la comparsa. Era difficile immaginare un impatto più sbagliato al ring rispetto a quello avuto tre anni e mezzo fa da Hugh Jackman (in piena trance agonistica il Wolverine cinematografico 'botchò' un tantino sul ring, rifilando un vero e pesantissimo pugno al povero Dolph Ziggler).



E invece il rapper ha deciso di vestire i panni di Hulk Hogan con il vero Hulkster al suo piano.

Peccato che il fisico sia un tantino diverso...

Quello che doveva essere un momento 'epico' dell'ultima puntata di RAW prima di WrestleMania è quindi sembrato soprattutto tanto, tanto ridicolo...

.

Powered by: World(129)