APRON RING

ROH DEATH BEFORE DISHONOR XIII; LA REVIEW.

-  Letture: 454
by Gai Dillinger Maito

Ciao a tutti cari amici, nonchè club esteso del web wrestling italiano. Io sono Gai Dillinger Maito, ed esattamente adesso vi narrerò delle vicende accadute nell'ultimo iPPV della ROH. Cominciamo in maniera spicciola, per poi vedere nel dettaglio gli incontri che in me hanno suscitato maggior scalpore.

L'opener ha intrattenuto in parte il pubblico, rendendolo coinvolto all'incontro, ma per me purtroppo non supera la sufficienza impostandosi sul 5,5.Successivamente passiamo ad un altro più che sufficiente incontro e con un buon wrestling, tra Moose ed il rinvigorito Cedric Alexander; Il wrestling non è mancato, e va fatto un plauso ad entrambi gli atleti, Moose per i potenziamenti che sta acquisenso a poco a poco sul ring, e Cedric perché, se prima era l'anonimato del roster fatto persona, con questo nuovo personaggio sta impressionando, ed hanno ben pensato di pusharlo facendogli interrompere prematuramente la streak dell'avversario.

Interessante vedere come continuerà la gestione dei due dopo questo feud, che nel quale sarà Alexander a spuntarla per me. Dopodicchè passiamo ai due ultimi match della zona medio/bassa della card, ovvero il tag team match tra i Briscoes ed i RPG Vice e quello tra Dalton Castle ed Adam Cole.

Per il primo c'è poco da dire, quasi sufficiente ma dinamico e si sono sempre viste belle cose sul ring, in merito al secondo bisogna dire che il personaggio di Dalton Castle è ancora poco credibile per arenare in lidi migliori ma per adesso lo hanno incluso dello show, e vedremo cosa succederà.

Poi un Adam Cole ancora anchilosato a causa dei postumi da infortunio, ma che con l'aiuto dell'avversario ha saputo comportarsi. Incontro mediocre anche questo, addirittura abbastanza lento, ma che dovrebbe rilanciare Adam Cole e visto il segmento finale, per il momento dovrebbe continuare il piccolo feud tra Dalton e Young.

Ed ora, passiamo alla zona calda della card, in cui ACH, ora in guerra con gli ex seguaci di Jimmy Jacobs, ha fronteggiato Adam Paige della Decade. Che dire, una delle note positive della serata sicuramente, in cui seppur col freno abbastanza tirato (fermi in terza, per la precisione), questi due bravissimi atleti hanno messo su un buon incontro in cui l'aggressività ed i buoni spot non son mancati.

Abbiamo assistito anche allo spot del match, risolutivo e che ha visto protagonista Adam Page con il Rite of Passage saltando su un tavolo dall'apron. Buon incontro, complessivamente. In seguito, come penultimo match in card, abbiamo i titoli di coppia in caldo tra quattro delle coppie di maggior spessore del roster, parlo ovviamente degli ex Bad Influence, i reDRagon che "son quel che sono" se mi permettete di dire, i redivivi War Machine ed il Kingdom che ha avuto una fetta di gloria in Giappone, segno di un netto miglioramento per la stable che ha trovato la giusta dimensione per Mike Bennett.

Si prevedeva il classico incontro di puro wrestling con annessi spot inanellati in sequenza, e devo dire che le attese della vigilia non sono state tradite! Incontro veloce, combattuto e tenuto sempre su alti ritmi, com'era auspicabile per contese di questo tipo, vinta dagli Addiction che quindi continuano il loro buon regno (includendo il gradito ritorno dei World Tag Team Champions of the World già riscontrati in TNA, scelta che personalmente ho apprezzato eccome!) Match più che buono, da podio insieme al precedente ed al seguente che vedremo ora.

JAY LETHAL COMBATTE RODERICK STRONG FINO AL TIME LIMIT; Che dire, se dovessi trovare anche un pelo nell'uovo, direi che questa stipulazione avrebbe dovuto impostarsi solo in chiusura di faida, il fatto che l' abbiano proposta ora la fa stonare un po', ma in seguito a ciò, possiamo solo aspettarci l'apertura delle danze per questi due atleti.

Quindi parliamo dell'incontro in sè; metodico dalle prime fasi, in seguito alle quali traspare un grande climax che porta la contesa ad un ottimo gradi di wrestling, intensità e narrazione. In definitiva, questo è il miglior match che la federazione abbia mai concepito da anni a questa parte.

Soprattutto nei frangenti finali, dove vi sono workrate, near falls e pathos che rendono questa una contesa altamente forzata e trainata a forza dagli atleti presenti, oggetto ovviamente di grandissimo plauso da tutti noi.

Vedremo come andrà a finire tra l'ex TNA e Roddy, sta di fatto che se la HoT e Jay stesso orami sono una garanzia di qualità, allora il suo regno è cominciato proprio nel migliore dei modi, solo applausi.

Voto all'incontro; 9,5. Allora, DBD non era proprio partito sotto i migliori auspici per quanto riguarda la parte iniziale della card, con match che alla fine si sono rivelati al massimo sulla sufficienza ed alcuni concepiti addirittura senza un motivo ben preciso, mentre gli incontri con costruzione, provenivano da faide di poca importanza, mi spiace.

Tuttavia nei tre match di cartello della serata vi è la ripresa lo show comincia ad ingranare più velocemente, con due buonissimi match, più il "match dei match" considerando un gran lasso di tempo, approssimativamente 7/8 anni.

Quindi come show non è proprio da buttare via anzi, di definiti match ne consiglierei altamente la visione, quindi abbiate volontà e prendetevi circa due orette di tempo, perché davvero ne vale la pena stavolta, di restare esterrefatti davanti allo schermo.

VOTO iPPV: 7 Addio regazzi miei, io auguro una buona permanenza o delle buone vacanze (dipende dalle circostanze) a voi tutti e vi rinnovo l'appuntamento prossimamente. Ciao! .

Powered by: World(129)