APRON RING

ROH 13th ANNIVERSARY; review by Gai Dillinger Maito

-  Letture: 512
by Gai Dillinger Maito

IT'S ME, IT'S ME! IT'S G-A-I.

Buongiorno a tutti, oh discreto popolo italiano della Ring of Honor, io sono Gai Dillinger Maito e stamattina vedremo assieme cosa è successo nella notte del tredicesimo anniversario della compagnia. Vogliamo cominciare? Il lowcarding prima di tutto:

Innanzitutto si è pensato bene di aprire la serata affidando questo compito a due dei più validi atleti della compagnia, ovvero Cedric Alexander e #Reborn Matt Sydal; che dire, scaldare il pubblico grazie alla loro buona prestazione da high-flyers si è rivelata alla fine una buona trovata, oltre anche al fatto di poter dare il gettone del PPV ai due atleti non con un determinato impegno in card. Questo match viene vinto come da previsione da Sydal, quindi andiamo col prossimo match che altro non è che un riempitivo per mettere a punto un Moose in rampa di lancio dandogli in pasto proprio Mark Briscoe. Che dire, il match non è molta roba, dimenticabile sicuramente ed inferiore all'opener, in cui alla fine Mark concede un job ad un Moose ancora acerbo sul ring ma pur sempre in rampa di lancio. Inoltre non riesco proprio ad apprezzare quest'atleta, possiede doti scarse ed ancora da costruire che lo rendono ancora un big man abbastanza anonimo. 

Poi andiamo al Grudge match tra il Mr.ROH Roddy Strong ed il suo rivale BJ Whitmer. Match che continua la storyline del distacco da parte di Roddy dalla Decade di Jacobs, anche se il primo match che rientra nella storyline non è molta roba, si nota. Certo, non è stato per nulla brutto, bensì un incontro pienamente sufficiente che presumibilmente (essendo tale) continuerebbe la storyline tra le due parti. E chissà che questo feud non porti ad un gran match tra Roddy ed il suo ex mentore, Jimmy Jacobs. 

Andiamo quindi al match femminile in card tra la new entry onoraria dei Briscoes ODB e la "Queen of Kingdom" Maria Kanellis. Notare che il promo della gnocca prima del match è stato molto incisivo e ha dato un idea sulle intenzioni della regina e della sua stable, apparentemente in faida con i Dem Boys, passatemi il termine. L'incontro è stato quasi sufficiente purtroppo, ODB si è impegnata ma alla fine abbiamo visto che la Kanellis è quel che è, se poi ci mettiamo anche la manfrina pre-match della maternità allora la frittata è fatta. E la vincitrice neanche mi garba; mi spettavo una vittoria sporca della Kanellis ed invece è stata umiliata dalla Dirty bitch con tanto di distruzione del Title of Love suo e del maritino. Dispiace molto, il Kingdom funziona molto bene sotto la guida della femmina ed in più dopo l'infortunio di Adam Cole patito proprio a causa del campione in carica, avevano un motivo valido per continuare linearmente la faida, ma dopo l'avvento di OB la faida e la stable hanno preso una piega bruttina. 

Quindi si passa al midcarding e ad uno dei match che aspettavo maggiormente, ovvero il three-way tag match; grazie alla stipulazione, i team in gioco ci hanno regalato come da aspettative una contesa non proprio pregevole ma fluida, dai ritmi medio-alti e anche con near falls. Peccato per Gallows che non ha potuto partecipare a causa del maltempo ed ha lasciato solo il povero Karl Anderson, che durante il match non ha sfigurato ma che alla fine proprio lui si prende il pin decisivo del Kingdom. Scelta non proprio azzeccata a mio avviso, sarebbe stato meglio uno degli Addiction ma alla fine l'inportante è che abbiano ingarrato i vincitori, ovvero la coppia di Michelino Bennett e di Matt Taven ora in fase di push anche loro e dirottati verso lidi più specifici.

E quì vi è la svolta amici miei. I due incontri principali che per me sono lo showstealer della serata ovvero il confronto tra AJ e ACH e quella per i titoli di coppia ROH tra i campioni reDRagon e gli Young Bucks. Entrambe le contese sono state pregevolissime, ottime, con delle buone storie raccontate e con tutti i contendenti che hanno prestato del loro. La partecipazione del BC è avvenuta forse alla luce dei futuri show in cui la ROH e la NJPW saranno "head to head". Nella prima contesa Styles ottiene la vittoria scontata contro un ACH giovane e bravissimo sul quadrato, mentre i reDRagon sconfiggono i Bucks nell'ennesimo grande match tra loro, sempre intenso, con molte near falls, spot in tag sorprendenti e per niente intaccato dal piccolo overbooking finale. Di certo la guerra non è ancora conclusa, ed io all'occorrenza considero anche un ulteriore passaggio di titoli (sia ROH che IWGP) al termine di tutto. Comunque gli YB sono cresciuti tantissimo, oltre ad essere di un comedy sensazionale!

Poi abbiamo avuto il Match per il Television title vinto dal campione in carica Jay Lethal il quale ha resistito all'assalto del debuttante Alberto El Patròn. Beh, mi aspettavo di più da questa contesa che a discapito delle previsioni resta poco sopra la sufficienza. Ormai l'ex Black Machismo ha dimostrato troppo e per troppo tempo come Television champ, forse sarebbe ora di dirottare lui e Martini verso il contesto titolato in quanto per il suo carisma (unito alle indubbie capacità in ring) sarebbe più che pronto per il massimo alloro. Dall'altra parte avevamo un Alberto lanciato abbastanza verso la vittoria, che alla fine non ha ottenuto. Certo, l'azione e l'impegno da parte di entrambi s'è visto, ma si poteva fare meglio. Poi la vittoria sporca lascia presagire sicuramente una continuazione del feud tra loro due oppure che Alberto sia l'ennesimo sfidante di transizione per Lethal? Cerdo non la seconda ipotesi, in quanto Lethal deve dirigersi verso altri lidi, ha dimostrato tutto ciò che doveva dimostrare con questa cintura e il cambio di titolo farebbe bene sia al titolo stesso sia ad Alberto. Un cambio di titolo che prevedo comunque nei prossimi mesi, attenzione.

E dopo un promo del rientrante Samoa Joe (nel quale giustamente ha dichiarato l'intenzione di tornare all'assalto del ROH World title) andiamo al main event della serata, ovvero il four corners per il World Title detenuto da Jay Briscoe. Beh, non so proprio che dire. I contendenti non hanno deluso le aspettative, ne è uscita fuori una contesa di distinto livello seppur dal ritmo chiaramente basso. Ma poi? Poi vi sono state delle note dolenti di overbooking alquanto evitabili, Dapprima abbiamo avuto quei tre incappucciati che "sembra" che due di loro non siano altro che il Kingdom, poi l'interferenza del Matchmaker Nigel Mc. Guinness che a mio parere è stata inutile, infatti che senso ha fermare Elgin da un attacco di schizofrenia per poi mettere i bastoni tra le ruote al tuo protetto Ciampa? Ok che devi riportare alla luce la storyline che li vede insieme, ma questo intervento si poteva evitare. Poi il finale purtroppo è stato demoralizzante. Il match in sè è stato poco più che buono, rovinato in parte dall'overbooking e dal finale pessimo. L'evento quindi si conclude con il faca to face tra Samoa Joe ed il vittorioso Jay Briscoe. 

Beh cari lettori, la card dell'evento comprendeva delle contese che a parer mio sarebbero state promettenti, ma alla fine il tutto si è rivelato come un evento di transizione per la ROH. Facendo mente locale, abbiamo avuto due match inseriti a casaccio (uno dei quali di buon livello), un buonissimo match a... due coppie e mezzo, un match femminile che sminuisce inutilmente il Kingdom, la bellissima contesa tra AJ Styles ed ACH, l'altrettanto impeccabile ed ennesimo grande match tra i reDRagon e gli YB (showstealer per me), le contese tra Strong e Whitmer e per il TV title sempre buone ma prettamente di transizione e funzionali alle loro storylines probabilmente, ed un più che buono main event anche se intaccato in parte dal finale e dall'overbooking. Che dire, questo evento è stato concepito dalla compagnia come un PPV di transizione forse, visti i risultati non proprio convincenti. Ma alla fine di contese brutte non ne abbiamo avute proprio, e lo show alla fine è risultato indubbiamente più che buono. vorrei concludere dicendo che il contesto del World title caotico era, e caotico è rimasto. Infatti hanson potrebbe sparire di scena tornando in tag team con Raimond Rowe, quindi all'assalto rimarrebbero Elgin, Ciampa (che resta comunque tra i maggiori favoriti, essendo indubbiamente pronto per la vittoria) ed a 'sto punto anche Samoa Joe. Probabilmente potrebbero aggiungersi anche Bennett del Kingdom con prepotenza, essendo la sua stable ancora in faida con i Briscoes, oltre al già citato Jay Lethal. Ma Lethal ha ancora il titolo television voglio dire, passerà ancora del tempo prima di vederlo altrove. Concludo dicendo che il Kingdom lo vedo al quanto "allo sbando" e in una situazione parecchio incerta. VOTO PPV: 7,5.

Ok ragazzi, la review è finita, a me non resta altro che salutarvi calorosamente e rinnovarvi l'appuntamento con un altro articolo (quando mi girerà), ciao!

Powered by: World(129)